Statistiche per il Black Friday 2020: perché non rinunciarci

Pubblicato il 6 Ottobre 2020
  • statistiche Black Friday 2020

La spinta verso l’e-commerce

Con il 92% di persone che naviga dal proprio smartphone, non sorprende che il 68% di queste lo faccia proprio per fare shopping online. Non tutti ovviamente usano lo smartphone per fare acquisti online. Quindi considerando tutti i dispositivi, si arriva ad un 93% di visite a negozi e-commerce e al 77% di acquisti online, con una crescita del 2% dall’anno precedente (Datareportal).

Questi numeri ci indicano che la diffusione dell’e-commerce sta continuando e continuerà a crescere.

Perché non rinunciare al Black Friday

Evento per eccellenza per gli acquisti e occasione imperdibile in vista del Natale, il Black Friday è diventato una certezza per chi vuole fare acquisti a prezzi vantaggiosi. Considerando i dati raccolti e il clima di incertezza è importante prepararsi a sfruttare al meglio questo evento, nonostante le possibili difficoltà.

Infatti i dati ci dimostrano che le persone, per approfittare delle offerte, non devono necessariamente recarsi in un negozio fisico per fare l’acquisto. La domanda che ci si pone è come fare allora a incoraggiare i clienti a far visita al proprio sito o e-commerce. La risposta sembra anacronistica perché la soluzione può essere l’SMS, affidabile, diretto e lungi dall’essere superato nella comunicazione B2C.

acquisti online da smartphoneIl motivo ce lo spiega una ricerca dell’Osservatorio eCommerce B2C che conferma che ben il 40% degli acquisti online viene effettuato tramite smartphone, arrivando al 50% per gli acquisti di abbigliamento, 49% per l’arredamento e 48% per la cosmetica e cura alla persona.

Se si è in dubbio su quanto possano valere gli acquisti online, la stessa ricerca ci dice che valgono ben 31,6 miliardi di euro, con una crescita del 15% dall’anno precedente. Infine se si considerano i beni che normalmente interessano il Black Friday, vediamo che il valore è di 18,1 miliardi con una crescita del 21%.

Quando cominciare a parlare di Black Friday

Forse questa è la parte più difficile della pianificazione delle proprie attività. Sicuramente dipende dalle offerte che l’azienda vorrà offrire. C’è chi parte addirittura un mese prima e fa il cosiddetto “mese nero”. Chi invece si limita ad offrire sconti solo durante la settimana del Black Friday. O chi preferisce un’offerta lampo solo il venerdì.

acquisti Black FridayIndipendentemente dalla strategia di sconti scelta, è utile partire con diverse settimane di anticipo, se non un mese, per annunciare che si faranno sconti dedicati. Questo perché è emerso, tra le tante statistiche per il Black Friday, che il 48% delle persone sa già in anticipo cosa comprerà durante il Black Friday (Black Friday Global).

Significa che già ad ottobre i clienti iniziano a guardarsi intorno per vedere cosa possono comprare poi, approfittando delle offerte. Per questo, è importante pensare a una strategia comunicativa che incoraggi i propri clienti a visitare il proprio sito o negozio, per stimolare il loro interesse nella offerta di prodotti e possibilmente farli innamorare di alcuni che potrebbero inserire nella loro lista dei desideri.

Anche in questo caso l’uso degli SMS con link specifici a landing page o direttamente al proprio e-commerce, post sui social media e campagne email mirate, possono proprio aiutare a far crescere l’aspettativa per il grande evento.

Come hanno influenzato i primi mesi del 2020

Infine, è importante fare una considerazione su come i primi mesi del 2020 hanno influenzato le dinamiche di acquisto. Infatti, il comportamento delle persone nei confronti degli acquisti è cambiato radicalmente per necessità, propendendo per l’online per mancanza di altre possibilità. Questo ha fatto si che persone abituate a fare acquisti online, hanno aumentato il numero e la frequenza, e ha inoltre incoraggiato molti che non lo facevano a provare questo metodo di acquisto.

Infatti, negli ultimi mesi abbiamo assistito a un incremento degli acquisti online per quasi tutte le categorie. Per molte di esse inoltre ci si aspetta un’ulteriore crescita. Ad esempio l’acquisto di generi alimentari online è aumento del 14%, quello del cibo da asporto del 18%, quello di elettronica del 13% (Accenture). Questo indica un cambiamento nelle abitudini e l’espansione di acquisti “domestici”, nel senso di uno sviluppo della pratica degli acquisti da casa online. Le previsioni sono che queste percentuali aumentino, indicando che il cambiamento è qui per restare. Questo è semplice da spiegare e è dovuto al fatto che il 45% di persone sostiene che eviterà posti affollati e uscirà meno spesso a mangiare, il 49% continuerà a comprare online, anche perché il 46% dichiara che passerà meno tempo nei negozi, anche dopo la pandemia (Synch).

Desideri maggiori informazioni sulle statistiche per il Black Friday e su come Trendoo può supportarti nella tua strategia comunicativa durante i prossimi mesi? Contattaci.

Se invece vuoi creare la tua campagna SMS per il Black Friday.

FAI LOGIN

Non sei ancora iscritto? Registrati subito, è gratis e senza impegno.

REGISTRATI

 

Nessuna risposta a "Statistiche per il Black Friday 2020: perché non rinunciarci"


    Qualcosa da dire?

    L'html è consentito